Benvenuto a Venezia

Venezia è una piccola città sull’acqua. Composta da tante piccole isole, attraversata da stretti canali, unita alla terraferma da un solo ponte, Venezia è circondata dalla laguna, uno specchio d’acqua con bassi fondali. A proteggerla dal mare ci sono sottili lingue di terra che creano barriere naturali interrotte da  sbocchi al mare  che garantisce alla laguna ricambio d’acqua continuo. Questi lunghi lidi di sabbia sono le spiagge, un tempo avanposto verso il mare, oggi località balneari preziose e insolite per la loro vegetazioni per lunghi tratti ancora molto selvaggia. La singolarità dell’ambiente fisico ha permesso a Venezia di diventare una delle città più belle e ricche al mondo: protetta dall’acqua, Venezia non ha mai avuto bisogno di chiudersi dentro a delle mura e ha visto nel mare un’opportunità per unire la sua storia a quella delle altre civiltà del Mediterraneo.
Crocevia tra l’Oriente e l’Europa centrale, Venezia intuì ben presto che la sua crescita dipendeva anche dalle conquiste di altri territori sulla pianura Padana e verso le Alpi. Piccola com’era necessitava di boschi dove recupere legname per costruire le sue barche. Da piccola comunità di barcaioi a nazione marinara capace di conquistare i più lontani mercati d’Oriente, Venezia oggi, urbanisticamente parlando,  non è diversa da come si presentava ai pellegrini e commercianti provenienti da ogni angolo del mondo secoli fa. Su di una superficie relativamente piccola, la città si sviluppa su  una viabilità esclusivamente pedonale che tra calli ( strade molto strette) e campi vede distribuiti ininterrottamente tesori architettonici e artistici forse impossibili da quantificare. Read more »

Share
Tags: , , , , ,
Posted in Welcome to Venice | 2.258 Comments »

Pasta con broccoli e porri

Pasta con broccoli e porri

Ingredients

  • 1 kg di broccoli
  • 2 porri
  • 250 g di pasta corta
  • Formaggio grana
  • Sale, olio

Instructions

  1. Pulire i broccoli eliminando le foglie e le parti più dure del gambo. Tagliare il gambo del broccolo a rondelle e tagliare la parte del fiore verticalmente.
  2. Tagliare le estremità dei porri e lasciare solo la parte bianca. Tagliare i porri a rondelle.
  3. In una pentola larga, versare l’olio, le verdure, aggiungere il sale e mettere sul fuoco. Aggiungere mezzo bicchiere di acqua e lasciar cucinare fin a quando il broccolo risulta tenero e il porro cotto.
  4. A parte cuocere la pasta in acqua bollente salata. A cottura ultimata, scolare
  5. Unire la pasta alle verdure ancora calde. A piacere si può aggiungere formaggio grana, oppure pecorino. La pasta risulta ottima anche con aggiunta di ricotta o brie.
Schema/Recipe SEO Data Markup by ZipList Recipe Plugin
http://venice.100x100venezia.it/it/2012/11/08/broccoli-and-leek-pasta-2/

 

Share
Tags: ,
Posted in Food & Drink | 7.124 Comments »

Risotto di radicchio di Treviso e salsiccia

Risotto di radicchio di Treviso e salsccia

Ingredients

  • Ingredienti per 4 persone
  • Radicchio di Treviso: 500 g
  • 2 salsicce
  • 1 cipolla bianca
  • Riso per risotti: 250 grammi
  • Formaggio grana ( a scelta)
  • Burro: 20 grammi

Instructions

  1. Tagliere la cipolla a fettine sottili.
  2. Pulire il radicchio, togliere le estremità ( la radice) e tagliarlo a pezzetti.
  3. Tagliare le salsicce a rondelle.
  4. In una pentola, far scaldare l’olio, unire le cipolle e la salsiccia.
  5. Far rosolare il tutto fino a quando la salsiccia risulta cotta e le cipolle imbiondite. Se necessario aggiungere un po’ d’acqua.
  6. Aggiungere il radicchio e mescolare gli ingredienti. Fate appassire il radicchio.
  7. Versate il riso e fatelo tostare solo per qualche minuto continuando a mescolare.
  8. Versate brodo vegetale ( caldo) o acqua per amalgamare tutti gli ingredienti.
  9. Continuate ad aggiungere lentamente brodo o acqua necessari per far cuocere il riso ( 13- 14 minuti di cottura).
  10. Quando il riso risulta cotto, spegnere il fuoco, e a piacere aggiungere il burro.
  11. Servite in tavola con formaggio Grana.
Schema/Recipe SEO Data Markup by ZipList Recipe Plugin
http://venice.100x100venezia.it/it/2012/11/04/radicchio-and-sausage-risotto/

Share
Tags: ,
Posted in Food & Drink | 2.289 Comments »

Risotto di zucca

Ingredienti per 4 persone:

250 grammi di riso ( Vialone Nano oppure Carnaroli)

350 grammi di zucca

20 grammi di burro

2 cipolle piccole bianche

1 rametto di rosmarino

2 cucchiaini di zenzero in polvere

2 cucchiai rasi di zucchero

4 cucchiai di olio di oliva

1 cucchiaino di sale

acqua ( ½ litro)

 

Sbucciate le cipolle e tagliatele a fettine sottili. Tagliate a piccoli cubetti la zucca ( dopo aver tolto la buccia esterna e i semi). In una pentola versate 4 cucchiai di olio, fate scaldare e mettere la cipolla, la zucca, il sale, lo zenzero, lo zucchero. Aggiungete l’acqua necessaria a far cuocere il tutto. Fate bollire per circa 5 minuti. Cipolle e zucca devono risultare teneri. Togliete la pentola dal fuoco e con una forchetta, o con un mixer ad immersione, riducete in poltiglia la zucca. Rimettete la pentola sul fuoco e aggiungete il riso. Fate tostare il riso per qualche minuto e poi aggiungete un po’ alla volta  acqua calda ( o il brodo vegetale) necessario per far cuocere il riso. A cottura terminata ( circa 13-15 minuti), spegnete il fuoco, aggiungete il burro e mantecate il tutto. Aggiungere il rametto di rosmarino e lasciar riposare qualche minuto. A piacere, si può aggiungere anche formaggio grana.

     (Ingredienti per il risotto di zucca)

Share
Tags: ,
Posted in Food & Drink | 2.363 Comments »

Spiagge al Lido di Venezia e i Murazzi

Come nel resto dell’Italia, le temperature estive si fanno sentire. Niente di meglio che andare a farsi una bella nuotata. Il Lido di Venezia offre diverse opportunità: stabilimenti balneari abituati ad ospitare vip e spiagge per famiglie. Non fatevi scappare una vista ai Murazzi: un lungo cordone di scogli a 5 metri sopra il livello del mare progettato per difendere il Lido dall’erosione del Mare. I Murazzi sono percorribili a piedi o in bicicletta su una comoda strada asfaltata.

Share
Tags: ,
Posted in Cosa succede in città | 3.005 Comments »

Musei a Venezia

Museo di Ca’ Rezzonico

Museo del Settecento veneziano. Ha sede nello splendido palazzo Rezzonico  sul Canal Grande. La costruzione barocca, opera di Baldassare Longhena e di Giorgio Massari, era una dimora patrizia. Raccoglie una ricca documentazione della vita e della cultura veneziana del ‘700. I soffitti sono stati affrescati del Tiepolo.

Sede: Dorsoduro 3136
Oraridal 1 aprile al 31 ottobre
10.00 – 18.00 (biglietteria 10.00 – 17.00)

dal 1 novembre al 31 marzo
10.00 – 17.00 (biglietteria 10.00 – 16.00)

Chiuso Martedì, 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio

Biglietti: intero: 8,00 euro, ridotto: 5,50 euro 
Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.*

Gratuito: residenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi; 1 gratuità ogni 15 biglietti previa prenotazione.

Offerta Famiglieper famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 18 anni): 1 biglietto intero e gli altri ridotti.

Offerta Scuola: 4,00 euro a persona (valida nel periodo 1 settembre – 15 marzo): per classi di studenti di ogni ordine e grado accompagnate dai loro insegnanti con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza.

Prenotazioni telefoniche: Call center 848082000

Fermata del Vaporetto: Ca’ Rezzonico

Sito internethttp://carezzonico.visitmuve.it

 

Museo di Palazzo Fortuny

Antico palazzo gotico appartenuto alla famiglia Pesaro, fu acquistato da Mariano Fortuny per farne la propria dimora e atelier di fotografia, scenografia e scenotecnica, creazione di tessili, pittura; di tutte queste funzioni esso conserva ambienti e strutture, tappezzerie, collezioni: dalla raccolta dei dipinti, ai preziosi tessuti che rivestono interamente le pareti, alle celebri lampade, tutto testimonia la geniale ispirazione dell’artista, il suo eclettico lavoro – tra sperimentazione, innovazione, qualità altissima di risultato – la sua presenza sulla scena intellettuale e artistica a cavallo tra ‘800 e ‘900.

Il palazzo fu donato al Comune da Henriette, vedova di Mariano, nel 1956. Le collezioni museali sono costituite da un ricco fondo di opere e materiali che ben rappresentano i diversi esiti della ricerca dell’artista, ordinati per grandi argomenti di particolare rilievo: la pittura, la luce, la fotografia, il tessile e i grandi abiti.

Sede: San Marco 3958

Orari: Museo aperto in occasione di mostre temporanee.

 

 Galleria Franchetti di Ca’ D’Oro

Nata da una donazione privata del musicista Giorgio Franchetti, la Galleria trova sede in uno dei più bei palazzi sul Canal Grande. Esposte opere del Mantegna, Vittore Carpaccio, Tiziano e Tintoretto.

Sede: Cannaregio 3932

Orari:  Lunedì: 8.15 – 14.00, da martedì a domenica: 8.15 – 19.15      La vendita dei biglietti termina 30 minuti prima della chiusura

Chiusura completa nei giorni: 1 gennaio, 25 dicembre, 1 maggio

Biglietti: intero:  € 6,00, ridotto: € 3,00 per cittadini UE di età compresa tra 18 e 25 anni, previa esibizione di documento di identità; per gli insegnanti.

Ingresso gratuito: Cittadini UE al di sotto dei 18 anni e al di sopra dei 65, previa esibizione di un documento di identità. Gruppi di studenti accompagnati dagli insegnanti con elenco nominativo dei partecipanti redatto su carta intestata dell’ Istituto di appartenenza. Iscritti alle Facoltà di Lettere e di Conservazione dei Beni Culturali delle Università italiane che frequentino corsi o che siano Laureandi con indirizzo storico artistico previa attestazione degli Istituti competenti ed esibizione del libretto a convalida della regolare iscrizione. Giornalisti. Soci ICOM.Permessi gratuiti provvisori.Speciali permessi possono essere concessi per motivate ragioni di studio dal Soprintendente.

Contatti: Tel.  39 (0)41 5222349

Fermata del vaporetto: Ca’ D’oro

Sito internet: http://www.polomuseale.venezia.beniculturali.it

 

 Museo di Ca’ Pesaro

Il grandioso palazzo, ora sede della Galleria Internazionale d’Arte Moderna, sorge nella seconda metà del XVII secolo, per volontà della nobile e ricchissima famiglia Pesaro, su progetto del massimo architetto del barocco veneziano, Baldassarre Longhena, cui si devono anche la Chiesa della Salute e Ca’ Rezzonico.

Sede: Santa Croce 2070

Orari:  Dal 1 aprile al 31 ottobre  10-18 (biglietteria 10 – 17)   Dal 1 novembre al 31 marzo 10-17 (biglietteria 10 – 16)

Chiuso lunedì e 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio

Biglietti:  intero 8,00 euro,  ridotto 5,50 euro

ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci FAI

Gratuito: residenti e nati nel Comune di Venezia; bambini 0/5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi; 1 gratuità ogni 15 biglietti previa prenotazione;membri I.C.O.M.

Offerta Scuola: 4,00 euro a persona. (Valida nel periodo 1 settembre – 15 marzo). Per classi di studenti di ogni ordine e grado accompagnate dai loro insegnanti con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza.

Prenotazioni: call center 848082000

Fermata del vaporetto: San Stae

Sito internet: http://www.museiciviciveneziani.it/

 

Gallerie dell’Accademia

Considerato tra i più importanti musei d’Italia, Le Gallerie dell’Accademia presentano una vasta raccolta della pittura veneziana e veneta dal XIV al XVIII secolo. Presenti opere del Giovanni Bellini, , Vittore Carpaccio, Cima da Conegliano, Piero della Francesca, Giorgione, Paolo Veronese, Tiziano, Tintoretto, Tiepolo, Palma il Giovane, Guardi , Canaletto

 Sede: Dorsoduro, campo della carità

Orari: Lunedì: 8.15 – 14.00, Martedì a Domenica: 8.15 – 19.15  La vendita dei biglietti termina 30 minuti prima della chiusura

Chiusura completa nei giorni: 1 gennaio, 25 dicembre, 1 maggio

Biglietti: intero: 6,5 euro, ridotto 3.25 euro

Fermata del vaporetto: Accademia

Sito internethttp://www.polomuseale.venezia.beniculturali.it

 

Museo Correr

E’ il più grande museo civico della città. Oltre alla sezione neoclassica dedicata al Canova, il Museo conserva importanti documenti storico artistici. Ospitato nell’ala Napoleonica e parte nelle Procuratie Nuove espone costumi originali, armi, monete,  venete e non solo.

Sede: Piazza San Marco

Biglietti:  intero: 8,00 euro, ridotto: 5,50 euro 
Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.*

Gratuito: residenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi; 1 gratuità ogni 15 biglietti previa prenotazione.

Offerta Famiglieper famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 18 anni): 1 biglietto intero e gli altri ridotti.

Offerta Scuola: 4,00 euro a persona (valida nel periodo 1 settembre – 15 marzo): per classi di studenti di ogni ordine e grado accompagnate dai loro insegnanti con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza.

Orari: dal 1 aprile al 31 ottobre 10.00 – 18.00 (biglietteria 10.00 – 17.00) dal 1 novembre al 31 marzo  10.00 – 17.00 (biglietteria 10.00 – 16.00)  Chiuso Martedì, 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio

Prenotazioni: Call center 848082000

Sito internethttp://carezzonico.visitmuve.it/ 

 

Palazzo Ducale

Antica dimora del Doge e sede del potere politico, Palazzo Ducale era il simbolo dello splendore dell’antica Repubblica di Venezia. Il  portico che corre lungo il perimetro e la loggia con archi intrecciati al primo piano sono la massima espressione dell’architettura gotica veneziana. Dalla Porta della Carta si accede al cortile interno da dove la Scala dìOra conduce al piano nobile.

Ingresso per il pubblico: Porta del Frumento, Piazzetta San Marco

Orari:    dal 1 aprile al 31 ottobre 8.30 – 19.00 (ingresso consentito fino alle 18.00); dal 1 novembre al 31 marzo: 8.30 – 17.30 (ingresso consentito fino alle 16.30). Chiuso il 25 dicembre e 1 gennai

Biglietti: Intero: 16,00 euro, Ridotto: 10,00 euro 
Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.*

 

Torre dell’Orologio

Realizzata su progetto di Mauro Codussi nel 1496-1499, la torre batte le ore grazie alle due statue in bronzo, i Mori. Visitabile con accompagnatore solo su prenotazione.La Torre dell’Orologio è una delle più originali costruzioni dell’architettura veneziana del primo Rinascimento. Sovrasta come un arco di trionfo, in piazza San Marco, l’accesso alla nevralgica via commerciale della città, l’antica Merceria.  Con il suo grande Orologio astronomico, capolavoro di tecnica e di ingegneria, la Torre è un irrinunciabile elemento dell’immagine stessa di Venezia e ne segna, ormai da cinquecento anni, la vita, la storia e il continuo scorrere del tempo. Il percorso di visita consente di osservare da vicino i complessi meccanismi dell’orologio e di uscire sulle terrazze dalle quali si gode una splendida vista su Piazza San Marco e sull’intera città.

Biglietti: intero 12 euro , ridotto 7 euro
Gli acquirenti del Biglietto per la Torre dell’Orologio hanno diritto all’ingresso gratuito al Museo Correr, Museo Archeologico Nazionale e Sale Monumentali della Biblioteca Marciana.

ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini over 65; residenti e i nati nel Comune di Venezia; titolari di Carta Rolling Venice; acquirenti dei biglietti per I Musei di Piazza San Marco o San Marco Plus, Museum Pass Musei Civici Veneziani; acquirenti del biglietto degli Itinerari Segreti in Palazzo Ducale; per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (6-18 anni): 1 biglietto intero e gli altri ridotti; membri I.C.O.M.*; soci F.A.I.*; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali.
*è richiesto un documento

Il costo del biglietto è comprensivo di prenotazione e accompagnatore specializzato
Orari:
- VISITA IN ITALIANO
tutti i giorni ore 12 e 16
Chiuso il 25 dicembre e il 1 gennaio

Fermata del vaporetto: San Marco/San Zaccaria

Sito internet: www.museiciviciveneziani.it

 

Palazzo Mocenigo – Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume

Dimora gentilizia a San Stae, conserva preziosi arredi e dipinti settecenteschi. É sede del Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume, che si compone di ricche e articolate raccolte, provenienti da diverse collezioni. Di esse, il museo espone una selezione di pezzi rari – tessuti e costumi – di particolare pregio. Il corpus del patrimonio è custodito nella imponente tessilteca. Il Museo offre inoltre agli studiosi una notevole biblioteca specializzata nel settore.

Sede: Santa Croce 1992

Biglietti:  intero: 5,00 euro; ridotto: 3,50 euro

Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.*

Gratuitoresidenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi; 1 gratuità ogni 15 biglietti previa prenotazione.

Offerta Famiglieper famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 18 anni): 1 biglietto intero e gli altri ridotti.

Orari:  dal 1 aprile al 31 ottobre 10.00 – 17.00 (biglietteria 10.00 – 16.30); dal 1 novembre al 31 marzo  10.00 – 16.00 (biglietteria 10.00 – 15.30). Chiuso i lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio

Prenotazioni: Call center 848082000

Fermata del vaporetto: san Stae

Sito internet: www.museiciviciveneziani.it

 

Casa di Carlo Goldoni

Palazzo Centanni è stata la casa natale del famoso commediografo veneziano Carlo Goldoni. Oggi è un museo  con annessa una biblioteca  e il Centro di Studi Teatrali.

Sede: San Polo 2794

Orari: 10.00 – 16.00

Biglietti: intero euro 5, ridotto euro 3,5

Fermata del vaporetto: San Tomà

Sito internet: www.museiciviciveneziani.it

Palazzo Grimani

Esempio di architettura rinascimentale veneziana, restaurato e aperto al pubblico da pochi anni, Palazzo Grimani è sede di mostre temporanee

Sede: Castello, Ramo Grimani, 4858, vicino a campo Santa Maria Formosa

Orari: dalle ore 8.15 alle ore 19.15 ingresso gratuito al cortile del Palazzo. Dalle ore 9.00 alle ore 19.00 visita alle sale del museo.

Chiusura: 1 gennaio, 25 dicembre, 1 maggio
Biglietti: intero€ 10,00 (comprensivo delle mostre attualmente in corso al museo); ridotto€ 7,00 (over 65, gruppi di minimo 15 e massimo 25 persone, titolari di apposite convenzioni)

Gratuito: ragazzi fino ai 14 anni compiuti, un accompagnatore per ogni gruppo, disabili e accompagnatori di disabili, due insegnanti per classe, docenti universitari

Contatti: tel.  39 (0)41 2411507

Fermata del vaporetto: San Zaccaria

Sito internet: http://www.polomuseale.venezia.beniculturali.it

Museo di San Marco

In occasione della nuova sistemazione con ampliamento degli spazi espositivi, il Museo, oltre che custodia, è stato concepito come strumento per introdurre alla comprensione dell’imponente eredità spirituale, culturale e materiale costituita dalla basilica di San Marco e come percorso attraverso oggetti di culto e opere d’arte che sono parte di questo patrimonio.
La collocazione museale della quadriga marciana nel 1982 e i restauri di molti beni tra gli anni ottanta e novanta hanno imposto una revisione dell’area espositiva, avviata fin dal 1986. Il Museo di San Marco si articola ora in tre sezioni: i Mosaici, i Tessili, la Quadriga e l’Antico, ovvero i segni del potere dogale, sintesi ideologica dell’eredità marciana. L’esposizione si sviluppa negli spazi del piano soprastante l’atrio-nartece. La struttura in mattoni a vista, costituita da un alternarsi di archi e pennacchi che reggono le cupole di copertura, ripete la tipologia costruttiva della basilica. La visita si conclude sulla terrazza per ammirare l’area marciana verso la piazza, il Palazzo Ducale, il molo e, lontano, l’isola di San Giorgio, cuore della città e dell’antico stato

Si accede dalla Basilica di San Marco

Orari: 9.45-16.45

Biglietti: 4 euro

Vaporetto: San Marco

Sito web: www.museosanmarco.it    

Museo Archeologico

Il Museo Archeologico fa parte del percorso museale integrato I Musei di Piazza San Marco: l’ingresso coincide quindi con quello del Museo Civico Correr, in Piazza San Marco, ala napoleonica.

Il biglietto unico integrato I Musei di Piazza San Marco, che comprende la visita a Palazzo Ducale, Museo Correr, Museo Archeologico e Sale Monumentali delle Biblioteca Marciana si acquista negli orari di apertura del Correr, presso la biglietteria dello stesso o presso la biglietteria di Palazzo Ducale.

Sede: S. Marco 52. Accesso dal Museo Correr

Orari:  tutti i giorni dalle 10.00 alle 17.00 (dal 1 novembre al 31 marzo) e dalle 10.00 alle 19.00 (dal 1 aprile al 31 ottobre). Giorni di chiusura: 1  gennaio, 25 dicembre.

Biglietti: intero: € 14.00. Ridotto: € 8.00 (studenti U.E. dai 15 ai 25  anni, accompagnatori – max 2 – di gruppi di studenti, cittadini U.E. sopra i 65 anni, personale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, titolari di carta Rolling Venice e soci FAI)

Gratuito: residenti nel Comune di Venezia, bambini da 0 a 5 anni, portatori di handicap con accompagnatore, guide autorizzate, interpreti turistici che accompagnino gruppi, capigruppo – gruppi di almeno 21 persone previa prenotazione, membri ICOM.

Museum Pass

Si ricorda inoltre che il Museo Archeologico rientra anche nella Museum Pass, che ha validità di sei mesi e permette  una sola entrata ai  dieci Musei Civici, alle Sale monumentali della Biblioteca Marciana e al Museo d’arte Orientale.

Intero: € 18.00. Ridotto: € 12.00

In base alla Convenzione fra Fondazione Musei Civici e Soprintendenza speciale la biglietteria dei Museo Correr garantisce anche le gratuità sottoelencate previste dalla vigente normativa statale con visita limitata al solo Museo Archeologico.

Gratuito: cittadini U.E. e stranieri di paesi per i quali esiste la reciprocità sotto i 18 anni e sopra i 65, guide autorizzate, interpreti turistici, personale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, membri ICOM, gruppi di studenti delle scuole italiane e U.E. accompagnati dai loro insegnanti con elenco nominativo dei partecipanti su carta intestata dell’istituto scolastico di appartenenza, docenti e studenti delle facoltà di Architettura, Conservazione dei Beni Culturali, Scienze della Formazione e dei corsi di laurea in Lettere o materie letterarie con indirizzo archeologico o storico-artistico delle facoltà di Lettere e Filosofia – previa presentazione del certificato d’iscrizione per l’anno accademico in corso -, docenti e studenti delle Accademie di Belle Arti – previa presentazione del certificato d’iscrizione per l’anno accademico in corso.

Altri accessi gratuiti straordinari sono previsti per la Settimana della Cultura, le Giornate  Europee del Patrimonio ed altri eventi  eccezionali su disposizione ministeriale.

Telefono Fax: 041-5225978

Prenotazioni: tel.  041 5225978    ( tutti i giorni dalle 8.15 alle 10.00 e dalle ore 17.00 – 19.00 )

Sito internetwww.polomuseale.venezia.beniculturali.it

Fermata vaporetto: San Marco

Museo di Storia Naturale

Il palazzo detto Fontego dei Turchi, sede del Museo, venne fatto erigere da
Giacomo Palmieri, capostipite della nobile famiglia dei Pesaro, nella prima metà
del XIII secolo. Nel 1381 venne acquistato dalla Repubblica di Venezia, che lo
cedette al marchese di Ferrara Nicolò V D’Este per la lealtà dimostrata nella
guerra di Chioggia. Vi soggiornarono l’imperatore di Costantinopoli Giovanni
Paleologo (1438) e Alfonso D’Este (1562). Nel corso degli anni fu
alternativamente utilizzato dalla Serenissima quale sede di rappresentanza
(destinata ad ospitare principi stranieri e come luogo per feste private) e
ceduto a varie famiglie patrizie: Aldobrandini, Priuli e nuovamente ai Pesaro,
che lo tennero fino a che si estinsero nel 1830.
Sede: Venezia, Santa Croce n° 1730
Biglietti: intero 8,00 euro, ridotto 5,50 euro
Ragazzi da 6 a 14 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi;
studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di studenti;
cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le
Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci FAI

Gratuito:Residenti e nati nel Comune di Venezia; bambini
0/5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate;
interpreti turistici* che accompagnino gruppi; capigruppo (gruppi di almeno 15
persone previa prenotazione); membri I.C.O.M.

Offerta Scuola :4,00 euro a persona
(Valida nel periodo 1 settembre – 15
marzo). Per classi di studenti di ogni ordine e grado accompagnate dai loro
insegnanti con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza

Orari: dal 1 giugno al 31 ottobre :10.00 – 18.00 (biglietteria 10 – 17). dal 1° novembre al 31 maggio: dal martedì al venerdì 9.00 -

17.00 (biglietteria 9- 16). sabato e domenica 10.00 – 18.00 (biglietteria 10 – 17). Chiuso il lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio

Fermata del vaporetto: San Stae

Prenotazioni: call center 848082000

Sito web: www.msn.ve.it

Fondazione Querini Stampalia

Palazzo Querini Stampalia  è la sede della Fondazione Stampalia. Al suo interno ha un’importante biblioteca e una Galleria che conserva oltre quattrocento dipinti veneti, italiani, fiamminghi dal XIV al XIX secolo: Donato e Catarino,Giovanni Bellini,Lorenzo di Credi,Jacopo Palma il Vecchio e il Giovane,Bernardo Strozzi,Luca Giordano,Marco e Sebastiano Ricci,Giambattista Tiepolo. Palazzo Querini era una dimora storica, abitata anche dal Patriarca di Venezia. Oggi è una sorta di casa- museo che rappresenta pienamente lo sfarzo del Settecento. Nel 1949 si decise  decise di dare inizio al restauro di alcune parti di Palazzo Querini affidando i lavori a  a Carlo Scarpa il quale operò ad un risanamento statico al  piano terra  e ad un intervento di messa in sicurezza dalle frequenti acque. Carlo Scarpa rivisitò completamente anche il giardino sul retro del palazzo.

Sede: campo Santa Maria Formosa, Castello 5252

Orari: da martedì a domenica 10/18      Lunedì chiuso.

Biglietti: intero euro 10; ridotto euro 8  Ingresso gratuito: tutti i giorni dalle 10.00 alle 15.00 per i residenti nel Comune di Venezia

Contatti:  tel. +39 041 2711411 – fax +39 041 2711445

Sito internet: http://www.querinistampalia.it

Fermata del vaporetto: San Zaccaria

 

Sale monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana

Le sale monumentali fanno parte della Biblioteca Nazionale Marciana che si affaccia su piazza San Marco. La realizzazione della Pubblica Libreria fu affidata a Jacopo Sansovino che iniziò i lavori nel 1537. La libreria fu eretta e decorata tra il 1537 e il 1560, su ordine dei procuratori di San Marco, per accogliere degnamente i codici greci e latini donati alla Repubblica di Venezia dal Cardinale Bessarione nel 1468. Fa parte ancor oggi come sede monumentale – insieme all’edificio della Zecca , ove si trovano le sale di lettura – della Biblioteca Nazionale Marciana, che custodisce preziosi manoscritti, come il cinquecentesco Breviario Grimani ed il Mappamondo di Fra Mauro, ed edizioni antiche, tra cui quelle di Aldo Manuzio. Oggi, la Biblioteca fa parte del l percorso integrato che  coinvolge le diverse realtà museali affacciate sulla Piazza San Marco , oltre ad essere il primo esperimento in Italia di una fertile sinergia tra Musei dello Stato e la Città. Al primo piano si trova il Vestibolo, sul cui soffitto spicca il dipinto di Tiziano La Sapienza, e la sala della Libreria, sulla cui volta (vero e proprio “manifesto” della pittura manierista a Venezia) si possono ammirare ventun tondi, opera di sette pittori scelti da Tiziano e Sansovino stesso: i più famosi sono i tre di Paolo Veronese; alle pareti ritratti di Filosofi, alcuni dei quali del Tintoretto e, ancora, del Veronese.

Address: Piazzetta San Marco.

Tickets: Entry through the Correr Museum with the Musem Pass

Opening Time: 10-17

Call center: telefono +39.0.41.24.07.21.1   Fax:+39.0.41.52.38.80.3

Vaporetto stop: San Marco

Sito internet: http://marciana.venezia.sbn.it/

Museo Ebraico

In campo del Ghetto, tra le due sinagoghe,  si trova il Museo Ebraico di Venezia fondato nel 1954 dalla Comunità Ebraica veneziana. Esposti esempi di manifattura orafa e tessile (sec. XVI e il XIX ) con un’ampia selezione di libri e manoscritti antichi e oggetti in uso nella vita ebraica. Il museo è diviso in due aree, la prima dedicata al ciclo delle festività ebraiche e agli oggetti utilizzati per la liturgia, la seconda – impostata più didatticamente – racconta la storia degli ebrei veneziani attraverso immagini e oggetti. In Ghetto sono presenti anche 5 sinagoghe, non riconoscibili dall’esterno. Le sinagoghe sono visitabili grazie a visite guidate in partenza ogni ora, in italiano ed inglese.

Sede: Cannaregio 2902

Biglietti: euro 3 intero, euro 2 ridotto

Ingresso al Museo e visita guidata alle Sinagoghe:  euro 8.50 intero;euro 7.00 ridotto

 Orario: Dal 1° giugno al 30 settembre: 10.00 – 19.00; dal 1° ottobre al 31 maggio: 10.00 – 18.00.

Museo e sinagoghe sono chiusi il sabato e le festività ebraiche, il 25 dicembre, il 1° gennaio e il 1° maggio.

Contatti: tel +39  041 715359       fax +39 041 723007

Per prenotare le visite:  www.pierrecicodess.it

Fermata del vaporetto: Guglie /Sant’Alvise

Sito internet: http://www.museoebraico.it

 

 

Museo del Vetro

Le collezioni sono ordinate cronologicamente: oltre alla sezione archeologica, che comprende notevoli reperti romani tra il I e il III secolo dopo Cristo, vi si trova la più vasta rassegna storica del vetro muranese con importanti pezzi prodotti tra il Quattrocento e il Novecento, tra cui capolavori di rinomanza mondiale.

Sede: Muarno, Fondamenta Giustinian n° 8

Biglietti: intero: 8,00 euro, ridotto: 5,50 euro 
Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.*

Gratuito: residenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi; 1 gratuità ogni 15 biglietti previa prenotazione.

Offerta Famiglie: per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 18 anni): 1 biglietto intero e gli altri ridotti.

Offerta Scuola: 4,00 euro a persona (valida nel periodo 1 settembre – 15 marzo): per classi di studenti di ogni ordine e grado accompagnate dai loro insegnanti con elenco dei nominativi compilato dall’Istituto di appartenenza.

Orari: dal 1 aprile al 31 ottobre: 10.00 – 18.00 (biglietteria 10.00 – 17.30). dal 1 novembre al 31 marzo: 10.00 – 17.00 (biglietteria 10.00 – 16.30). Chiuso il 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio

Fermata del vaporetto: Murano Colonna

PrenotazioniCall center 848082000

Sito web: http://museovetro.visitmuve.it/

 

Museo di Torcello

Uno dei più affascinanti siti archeologici della laguna di Venezia, l’isola di Torcello un tempo era abitata da quasi 20mila abitanti. Oggi la sua storia viene raccontata nel museo e nella Basilica che conservano una preziosa collezione di opere antiche e di reperti archeologici  ritrovati sul luogo. Il museo di Torcello è composto da due sezioni, una medievale e moderna ( conserva reperti paleocristiani , altomedievali e medievali rinvenuti,  con certezza,  a Torcello e nelle isole che la circondano)   e l’altra archeologica ( ospita reperti rinvenuti in are a veneta e nel territorio lagunare).

Sede: isola di Torcello

Orari: 10.00-18.00. Chiuso il lunedì

Biglietti: intero euro 3,  ridotto euro  1,50

Biglietto cumulativo : Basilica di Torcello + Museo + audio guida : intero euro  8; ridotto euro  6

Campanile: l’accesso al pubblico è temporaneamente sospeso

Contatti: Tel.  041/730761  -  Fax  041/730875

Fermata del vaporetto: Torcello

Sito web: sbmp.provincia.venezia.it/mir/musei/torcello/home.htm

Museo Navale

La sede espositiva sviluppandosi su cinque piani è estremamente ampia e segue due filoni narrativi, uno riguardante la lunga e gloriosa storia navale di Venezia e l’altro racconta la storia della nostra marina militare. Meritano attenzione  la raccolta di diciotto plastici realizzati tra il XVI e XVII secolo in legno (o legno, cartapesta e gesso, materiali facilmente deperibili e miracolosamente sopravvissuti) di antiche fortezze veneziane dell’ Adriatico e dell’Egeo.  Il primo piano è quasi interamente dedicato alla storia marinara della Serenissima Repubblica. Presenti alcuni modelli di valore storico: una impressionante ricostruzione di una “trireme”, tipo di galea da guerra in uso fino a metà del XVI secolo, con i rematori al loro posto di voga; una “galeazza “, galea di grandi dimensioni e di nuova concezione, che fu la protagonista della vittoria sui Turchi a Lepanto (1571), e la regina di tutte le barche di rappresentanza: il Bucintoro, la nave da cerimonia usata dal doge nel giorno dell’ Ascensione per lo “sposalizio del mare”.

Sede: Castello, riva san Biasio 2148

Orari: lunedì -sabato  8.45-13.00

Biglietto: euro 1,5

Fermata vaporettoArsenale

Museo del Merletto

Il museo, aperto nel 1981, ha sede negli spazi della storica Scuola dei Merletti di Burano, fondata nel 1872 dalla contessa Andriana Marcello per recuperare e rilanciare una tradizione secolare. Dopo la chiusura della scuola, un Consorzio creato dagli Enti pubblici veneziani e dalla Fondazione Andriana Marcello – nel frattempo costituitasi – inizia, a partire dal 1978, un’attenta attività di riscoperta e valorizzazione culturale di quest’arte: l’archivio dell’antica Scuola, ricco di importanti documenti e disegni, viene riordinato e catalogato; la sede viene ristrutturata e trasformata in spazio espositivo.

Nasce così il Museo del Merletto. Vi sono esposti oltre cento preziosi esemplari della ricca collezione della Scuola, oltre a importanti testimonianze della produzione veneziana dal XVI al XX secolo. Incluso dal 1995 nei Musei Civici di Venezia, questo spazio offre oggi non solo l’esposizione di pezzi di grande valore, ma anche la possibilità di osservare dal vero le tecniche di lavorazione proposte dalle merlettaie, ancora oggi depositarie di quest’arte e presenti al mattino in museo. Inoltre è a disposizione degli studiosi l’archivio, importante fonte di documentazione storico – artistica, con disegni, foto e varie testimonianze iconografiche.

Sede: Burano, palazzo Galuppi n° 187

Biglietti: Intero: 5,00 euro, Ridotto: 3,50 euro 
Ragazzi da 6 a 14 anni; studenti* dai 15 ai 25 anni; accompagnatori (max. 2) di gruppi di ragazzi o studenti; cittadini ultrasessantacinquenni; personale* del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; titolari di Carta Rolling Venice; soci F.A.I.*

Gratuito: residenti e nati nel Comune di Venezia; membri I.C.O.M.; bambini da 0 a 5 anni; portatori di handicap con accompagnatore; guide autorizzate; interpreti turistici* che accompagnino gruppi; 1 gratuità ogni 15 biglietti previa prenotazione.

Offerta Famiglie: per famiglie composte da due adulti e almeno un ragazzo (dai 6 ai 18 anni): 1 biglietto intero e gli altri ridotti.

Orari: dal 1 aprile al 31 ottobre: 10.00 – 18.00 (biglietteria 10.00 – 17.30). dal 1 novembre al 31 marzo: 10.00 – 17.00 (biglietteria 10.00 – 16.30). Chiuso il lunedì, 25 dicembre, 1 gennaio e 1 maggio

Prenotazioni: Call center 848082000

Fermata del vaporetto: Burano

Sito internet: http://museomerletto.visitmuve.it/ 

 

Museo Guggeheim

Il museo Guggenheim  è una delle più importanti collezioni private di arte contemporanea d’ Italia. Ha sede nel palazzo Venier Dei Leoni, abitazione privata di Peggy Guggeheim, ricca collezionista d’arte e mecenate di giovani promesse in ambito artistico.   La Collezione Peggy Guggenheim è di proprietà della Fondazione Solomon R. Guggenheim che la gestisce insieme al Museo Solomon R. Guggenheim di New York, al Guggenheim Museum Bilbao e al Deutsche Guggenheim Berlin.

Sede: Palazzo Venier dei Leoni, Dorsoduro 704

Orario:  10.00-18.00    Chiuso il martedì e il 25, 26 dicembre

Biglietti: Adulti: 12€Senior oltre i 65 anni: 10€Studenti fino a 26 anni: 7€ , Bambini fino a 10 anni, soci: gratuito

Prenotazioni e info : tel: +39 041.2405.440/419    fax: +39 041.520.9083

Fermata del vaporetto: Accademia / Salute

Sito internet: http://www.guggenheim-venice.it/

 

Palazzo Grassi

Palazzo Grassi è sede espositiva di mostre di arte contemporanea. Assieme e Punta della Dogana fa  parte della Fondazione di François Pinault. Affacciato sul Canal Grande, Palazzo Grassi è caratterizzato da un’ architettura neoclassica con soluzioni  più moderne del restauro ideato dall’architetto Tadao Ando.

Sede: San Marco, campo san Samuele

Orari: Aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 19 tranne martedì. Chiusura delle biglietterie alle ore 18. Chiuso il 24 e il 25 dicembre.

Biglietti:  biglietto intero : 15€ (Palazzo Grassi o Punta della Dogana)  20€ (Punta della Dogana + Palazzo Grassi)

biglietto ridotto: 10€ (Palazzo Grassi o Punta della Dogana) ; 15€  (Punta della Dogana + Palazzo Grassi)

Ogni mercoledì ingresso libero per i veneziani, su presentazione di carta d’identità.

Prenotazioni:  dall’Italia :  tel. 199 139 139        dall’estero:   tel. +39 041 2719039

Fermata del vaporetto: San Samuele

Sito web: http://www.palazzograssi.it

 

Punta della Dogana – Collezione François Pinault

Dopo un complesso restauro, Punta della Dogana è diventato un centro di arte contemporanea voluto dal francese François Pinault  che espone pezzi della propria collezione privata. Qui un tempo trovavano sede i magazzini del sale e la dogana della Repubblica di Venezia.

 Sede: Dorsoduro, campo della Salute

Orari: aperto tutti i giorni dalle ore 10 alle ore 19,  tranne i martedì. Chiusura delle biglietterie alle ore 18. Chiuso il 24 e il 25 dicembre.

Biglietti : intero 15€  (Punta della Dogana o Palazzo Grassi)  20€  (Punta della Dogana + Palazzo Grassi)

ridotto  10€  (Punta della Dogana o Palazzo Grassi) 15€  (Punta della Dogana + Palazzo Grassi)

Prenotazioni: dall’Italia :  tel. 199 139 139       dall’estero: tel+39 041 2719039

Fermata del vaporetto: Salute

Sito internet: http://www.palazzograssi.it

Share
Tags:
Posted in Musei | 6.865 Comments »

Consigli

Ecco alcuni consigli per vivere al meglio una vacanza a Venezia.

1.Venezia è una città sicura, anche di sera, ma ricordati che è sempre bene essere prudenti. Fai attenzione ai tuoi effetti personali e assicurati di avere la borsa ben chiusa quando giri per le strade e nei mezzi pubblici.

2.I veneziani sono generalmente disponibili con i turisti e non mancheranno di darti informazioni e consigli sulla città. Quando cammini ricordati di tenere sempre la tua destra e non ostacolare il passaggio nelle calli strette.

3. Non fare a Venezia quello che non faresti mai a casa tua. Mantieni sempre un comportamento educato e corretto. Ricordati che la città è una sorta di museo all’aperto diffuso e ogni singola pietra ha un suo valore.

4.Venezia è un città sull’acqua, ma non è una spiaggia. E’ proibito fare il bagno nei canali, girare in costume o a torso nudo. Per accedere ai luoghi sacri e nei musei è richiesto un abbigliamento adeguato.

5.I vaporetti sono mezzi di trasporto pubblico usati dai residenti per spostarsi in città e  nei luoghi di lavoro. I turisti sono invitati a non sostare in prossimità dell’uscita dei vaporetti, a lasciar scendere i passeggeri prima di tentare di salire sui vaporetti, ad entrare in cabina, quando necessario,  anche se si preferirebbe stare fuori a fare foto. Le persone anziane, diversamente abili e le mamme con bambino troveranno sempre dei posti a loro riservati. Ricordati che Venezia  è piccola e può facilmente esser attraversata a piedi senza bisogno di servirsi dei mezzi pubblici.

 6.Venezia nasconde dei tesori meravigliosi all’interno delle chiese e dei musei. Non limitarti ad una veloce visita a piazza San Marco e al ponte di Rialto, rischi di perdere l’opportunità di conoscere in modo più completo la millenaria storia della città.

 7.Se vuoi sentirti come a casa tua, ascolta i suggerimenti dei veneziani e fatti consigliare sui posti che loro solitamente frequentano.

8.Il regolamento comunale proibisce di fare picnic in piazza san Marco.

9.Attenzione alle brutte sorprese: è sempre meglio chiedere prima il costo di ogni cosa e leggere attentamente i prezzi esposti. Considera che bere o mangiare seduti al tavolino di un bar all’aperto comporta quasi sempre un sovraprezzo.

10. La legge punisce chi vende merce contraffatta ma anche chi l’acquista. Attento quindi ai venditori ambulanti abusivi che girano per la città.

11. E’ sempre meglio affidarsi ai servizi autorizzati. E’ nel tuo interesse  evitare di servirti di guide turistiche, servizio taxi e gondole che lavorano abusivamente.

Share
Tags: ,
Posted in Consigli | 7.544 Comments »

Dove dormire

Volendo scegliere cosa fare a Venezia, c’è solo l’imbarazzo della scelta. Volendo decidere quanti giorni fermarsi, c’è da considerare  che un week end non è sufficiente.  Sarà che non ti sembra vero di esser circondato dall’acqua, invece che dal traffico di città, sarà che ti accorgi di quanto vale il silenzio della laguna e dei suoi canali, sarà che la città  offre cultura e intrattenimento tutto l’anno. Venezia è una città per tutti e per tutte le tasche. Basta saper scegliere bene. Per i  giovanissimi che vogliono risparmiare, e per chi cerca qualcosa di unico , la scelta è talmente ampia da accontentare davvero tutti.  

Camere d’albergo che si affacciano sui canali  o stanze di B&B che guardano direttamente i tetti delle case. Di giorno si gira  per capire come una città possa esser stata costruita sull’acqua. Un consiglio: non dimenticate le isole della laguna. E’ come tornare in dietro nel tempo e accorgersi che nulla è cambiato. Torcello,  San Francesco del Deserto, sant’ Erasmo, Vignole, pineta degli  Alberoni: posti incredibili lontani dal turismo di massa, avvolti solo dalla natura della laguna e dal silenzio. La sera poi, dopo uno spritz sorseggiato in uno dei tanti bar con i tavoli all’aperto, non fatevi mancare una cena a base di pesce: baccalà, sardine con cipolle ( sarde in saor), frittura mista. Oppure, rilassatevi in un baccaro ( le trattorie veneziane) e godetevi la vasta scelta di spuntini ( cicheti) già pronti esposti sui banchi. E poi non dite che non avete voglia di tornarci.

 

Share
Tags: , ,
Posted in Dove dormire | 2.644 Comments »

Le perle di vetro di Murano

Vasi, lampadari, calici e collane: nell’isola di Murano il vetro assume tutte le gradazioni possibili di  colore. Fragile quanto prezioso, soprattutto se autentico. Non fanno eccezione le perle antiche, veri oggetti di antiquariato. Rare e ricercate da collezionisti di tutto il mondo, le perle veneziane hanno caratteristiche uniche e inconfondibili. I tentativi di imitazione e commercializzazione, frequenti e diffusi, mai riescono a copiare stile, lavorazione, materiali e colori. Riprodurre in modo perfetto una antica perla veneziana è cosa estremamente difficile. Per quanto i falsari provino e riprovino a copiare la lavorazione a lume delle perle, la perfetta imitazione non esiste. Serve però molta conoscenza tecnica e storica per riconoscere una perla autentica  da un’ imitazione.

Per chi si cimenta nell’acquisto di perle antiche, si ricordi di ispezionare come prima cosa il foro. Deve essere molto largo ( soprattutto per le perle fatte prima del 1930 ) e non deve riportare al suo interno alcuna traccia di sostanza polverosa (detta distaccante). Il foro, inoltre, deve essere dello stesso colore della perla e mai di colore bianco o trasparente. Se all’interno del foro è presente una sostanza gessosa che si stacca se sottoposta a sfregamento, la perla è sicuramente un’imitazione proveniente dai paesi dell’Oriente.

I consigli riportati per gli acquisti, sono stati forniti dalla nostra esperta Cristina Bedin. www.operavenezia.com

 

Share
Tags:
Posted in Murano glass | 5.484 Comments »